Territorio Rurale a Qualità Totale, un futuro migliore per le nostre campagne

Condotta-Slow-Food-Forli_300x1501Voglio dare spazio con grande piacere a questo progetto che forse in pochi ancora conoscono ma che ha grande valore, per cercare di salvaguardare quel patrimonio immenso della nostra regione, il territorio rurale, la campagna, in particolare quella dei piccoli produttori, di chi lavora in modo pulito e giusto, che spesso però è vessato dalla burocrazia e dalle oggettive difficoltà di accesso al mercato. Un modo per incentivare e facilitare il “fare rete”, l’idea di avvicinare le persone ai produttori, e dare linfa a una microeconomia che è tessuto connettivo essenziale per la sopravvivenza del nostro territorio.

Di seguito il comunicato di Slow Food Forlì, con il programma della giornata, che si svolgerà all’interno degli eventi della Settimana del Buon Vivere.

Territorio Rurale a Qualità Totale. La rete dei produttori agricoli all’insegna del “buono, pulito e giusto”.
Sabato 4 ottobre Forlì, Fabbrica delle Candele, ore 10

Cari soci e amici, sabato prossimo, all’interno de La Settimana del Buon Vivere, si terrà questo importante momento di riflessione sul futuro del nostro territorio. Il convegno si terrà al mattino, mentre nel pomeriggio si terranno dei laboratori gratuiti, come sempre molto interessanti ed esaustivi.

Territorio Rurale a Qualità Totale
La rete dei produttori agricoli all’insegna del “buono, pulito e giusto”

Sabato 4 ottobre 2014

Forlì, Fabbrica delle Candele, v.le Salinatore, p.tta Corbizzi

Il convegno è la “seconda puntata” del convegno tenutosi lo scorso anno a Dovadola, sempre all’interno della Settimana del Buon Vivere, che ha visto la partecipazioni di molti agricoltori, allevatori e ristoratori per fare il punto sulla situazione e le criticità del nostro territorio.
L’evoluzione di questo primo appuntamento è quello di fare partire questo progetto che vuole valorizzare le eccellenze enogastronomiche del forlivese, attraverso la creazione di una rete virtuosa che porti ad un accesso al mercato più semplice, remunerativo e di qualità.
Un progetto ambizioso, che deve avere al suo interno tutti i soggetti che da tempo stanno operando in questa direzione, dando a questi sforzi organicità e obiettivi precisi.

Programma del mattino

ore 10,00
Inizio lavori
interventi degli invitati a parlare
Dibattito e altri interventi

ore 12,45
Conclusioni e chiusura dei lavori

tra tutti gli intervenuti, vogliamo segnalare la presenza di Piero Sardo,
presidente della Fondazione Slow Food per la biodiversità.

Programma del pomeriggio

ore 15,30 – Il pollo romagnolo. Una eccellenza da salvaguardare
Laboratorio tenuto da Stefano Tozzi
Presidente A.R.V.A.R. e allevatore di Pollo di Razza Romagnola

Stefano Tozzi, allevatore e trasformatore di carni, ci spiegherà le grandi qualità di questo animale autoctono, che si sta cercando di salvare dalla estinzione. Dalle sue carni alle uova, il pollo romagnolo è uno straordinario esempio di eccellenza, bistrattato in questi anni dall’agroindustria per la sua piccola taglia.

ore 17,00 – La relazione cibo-salute:
il carrello della spesa, i benefici del cibo a filiera corta, la stagionalità, la cottura e la conservazione.

Laboratorio tenuto da Andrea Maglioni e Flaviana Betti

Dott. Andrea Maglioni, farmacista specializzato in Fitoterapia, medicina antiaging, nutrizione funzionale e oncologica, membro del comitato scientifico di PROFAR, socio fondatore del Personal Care Project

Dott.ssa Flaviana Betti, farmacista esperta in comunicazione, medicina naturale,omeopatia e nutrizione funzionale e socio fondatore del Personal Care Project

Andrea Maglioni e Flaviana Betti ci spiegheranno l’importanza di una corretta alimentazione, utilizzando cibo a filiera corta e ponendo grande attenzione alla stagionalità dei prodotti, alla loro cottura e conservazione. Alimentarsi in maniera corretta è il primo passo per prevenire la malattie, curare la propria salute per un reale “buon vivere”.

ore 19,00 – La cucina tradizionale del riuso
Laboratorio tenuto da Micaela Mazzoli e Matteo Monti
Educatori e formatori Slow Food

La lotta allo spreco alimentare è oggi diventato un imperativo. Riappropriarsi quindi di una tradizione, quella del riuso in cucina, può aiutare a combattere questa pratica consumistica. La cultura del riuso, oltre ad avere una ricaduta positiva sulla sostenibilità ambientale, porta dei benefici di tipo economico anche nella gestione quotidiana familiare, il tutto all’insegna del “buono, pulito e giusto”. Micaela e Matteo illustreranno questa pratica, attraverso racconti, ricette, dimostrazioni, preparazioni di piatti della nostra tradizione nati dalla sacra esigenza di non sprecare.

Tutti i laboratori sono gratuiti

per informazioni 348 7014583

slowfoodforli@gmail.com

http://www.settimanadelbuonvivere.it/

SettimanadelBuonvivere2014

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...