Se il polpo si ubriaca di Nebbiolo…

Questa ricetta mi è stata regalata da Belen, non la Rodriguez, ma la moglie di Ferdinando Principiano, quel viticoltore che fa vini straordinari in quel posto straordinario che è Serralunga d’Alba.

Si tratta del polpo ubriaco, ed è molto semplice, l’importante è disporre di un bel polpo. Va bene decongelato, perché le sue fibre si rompono circa con la stessa azione che si fa meccanicamente sbattendolo su uno scoglio appena pescato o battendolo con un batticarne da fresco.

wpid-20150306_203112.jpgCon un polpo da 1kg si mangia comodamente in due o tre persone, e ne avanza anche poco, perché il piatto è davvero gustoso. Si procede semplicemente con un soffritto di cipolla e scalogno tagliati fini. Quando imbionditi si aggiunge il polpo, eviscerato, pulito da occhi e becco e fatto a pezzettoni. Dopo una breve rosolatura si aggiunge il vino, quasi mezza bottiglia, s copre e si lascia sobbollire per un ora circa, o comunque fino a che il polipo sarà tenero e il vino si sarà ridotto (la densità è a piacere). A piacere si può aggiungere un rametto di timo o una spolverata di prezzemolo. Il vino consigliato da Belen è il loro Nebbiolo d’Alba Coste 2013, e ho seguito alla lettera il suggerimento.

Non potevo esimermi dal testare l’abbinamento tra piatto e calice, trovando soddisfazione e gusto dall’accoppiata.

Il bicchiere si veste di rubino splendente, trasparente come una suadente sottoveste femminile, e sprigiona note croccanti di melograno e lampone, fresche di rosa canina, con ricordo fine di cannella e di timo. Al palato il tannino sottile imbastisce un discorso di gioiosa beva, che nasconde una struttura che rivela le sue origini serralunghesi e monfortine, lasciando un lungo finale fruttato ed elegante.

Sposa bene le dolci carni del polpo, insaporite dalla cottura col vino stesso, di cui acquista ricordi fruttati, concentrando il sapore marino dei suoi stessi succhi. Un bell’esempio di come si possa abbinare piacevolmente preparazioni di pesce e vino rosso.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...